Skip to main content

La diagnosi per l'ADHD è veramente importante?

Vent'anni fa non ho capito nulla dell'ADHD. Onestamente, nemmeno la maggior parte delle comunità mediche e scientifiche.

Come moglie e madre, ho passato anni a cercare di gestire una famiglia di ADHD senza diagnosi, senza alcuna reale comprensione delle sfide che ci attendono. Era come il carro che portava il cavallo - inefficace e notevolmente frustrante.

L'ADHD era sempre un membro silenzioso della mia famiglia. Come il fantasma di "Ida Know" in un fumetto di Family Circus, l'ADHD era sempre presente, responsabile di così tanto, ma ritenuto responsabile per nulla.

Quando guardo indietro ai primi anni del non-sapere, sono mescolato con gratitudine per quello che ora capisco, e tristezza per gli anni in cui non apprezzavo quello che stava realmente succedendo ... con mio marito, le mie figlie, mio ​​figlio e me stesso.

Diagnosi

Come ogni membro dei miei figli ( e mia moglie) è stata diagnosticata, abbiamo sviluppato una più profonda comprensione dell'ADHD e la misura in cui ha influito su ogni aspetto della nostra vita personale e professionale. Non c'è alcun pezzo di noi stessi che non sia influenzato dall'ADHD: i rapporti, le prestazioni personali e persino la sessualità sono tutti influenzati da questo cablaggio cerebrale.

Ad un certo punto del viaggio, ho iniziato a rendermi conto che non c'era verso di me mio marito tutta la responsabilità genetica della complessa zuppa neuro-biologica della nostra famiglia. Mi sono fatto valutare. Ecco! All'età di 41 anni, mi è stato diagnosticato l'ADHD e difficoltà di apprendimento. La mia vita cominciò a dare più senso.

Così eccoci: una famiglia di ADHD di 5. Nessuna meraviglia che la vita si sentisse davvero travolgente. ORA, cosa dovevo fare?

Volevo aiuto. Tutti i medici e i terapeuti dei miei figli erano fantastici, ma avevo bisogno di qualcuno che mi aiutasse a guardare l'intera unità familiare. Ho dovuto smettere di reagire ai sintomi, pezzo per pezzo, e guardare il quadro generale di ciò che stava accadendo nella mia famiglia. Per quanto mi riguarda, ho trovato la guida di cui avevo bisogno nel coaching. Qualunque cosa sia per te, ti assicuro che ottenere supporto per te cambierà la vita della tua famiglia in meglio!

2 Punti critici di apprendimento

Condivido la mia storia perché voglio fare due punti critici:

La diagnosi può dare potere, per gli adulti e per i bambini.
I genitori sono l'anello mancante nella gestione dell'ADHD dei loro figli.

Sfido il cosiddetto stigma della diagnosi. Mi si spezza il cuore a sentire i genitori dire cose come "Non voglio che veda se stessa in quel modo" o "Non voglio beccarlo". La scorsa estate, la rivista della rivista "Additude" ha letto: "Spero che il mondo non giudicherà il mio bambino ADHD".

Seriamente, il mondo sta per giudicare. È quello che fanno le persone. È il nostro lavoro, come genitori, dare potere ai nostri figli. Possiamo farlo aiutandoli a comprendere e accettare con fiducia. Armati di comprensione, possiamo insegnare loro a NON ACCETTARE il giudizio ignorante degli altri.

Pensaci in questo modo: se tu avessi un figlio con diabete, glielo diresti? Inseguirai il trattamento o lascerai che la paura della stigmatizzazione interferisca con la migliore gestione dell'assistenza sanitaria che potresti fornire? Com'è diverso?

Quando hai l'ADHD, alcuni aspetti della gestione della vita possono essere difficili. Questo è un fatto chiaro e semplice. Quando neghiamo o mascheriamo le sfide senza comprendere il problema principale, lo rende molto più difficile. A peggiorare le cose, si può fare un numero sulla tua autostima (soprattutto per i bambini).

La diagnosi mi ha portato, e ai miei figli, una chiarezza che ha rafforzato il potere (se a volte è fastidioso). Ci dà il permesso di concentrarci sui nostri punti di forza e "coltivare" quelle aree che sono particolarmente sfidate. Per la prima volta nella mia vita, mi sento effettivamente fortunato - in parte perché non picchio più la testa contro un muro cercando di fare cose che il mio cervello non è semplicemente adatto a fare.

Forse ancora più importante, il mio la conoscenza delle realtà dell'ADHD ha cambiato il tono e la direzione del mio ruolo di genitore. Ho imparato a vedere il successo in modo diverso e a cambiare le aspettative in modo appropriato. Questo mi consente di fornire il supporto necessario ai miei bambini per imparare a gestire l'ADHD in modo più efficace nelle loro vite.

I genitori sono il collegamento mancante nel trattamento dell'ADHD

In realtà è un'equazione piuttosto semplice. Quando i genitori assumono un ruolo attivo nella comprensione e nella gestione dell'ADHD dei loro figli - quando potenziano i loro figli e adottano un approccio allenatore alla genitorialità - tirano fuori le loro famiglie dalla modalità di sopravvivenza. L'intera famiglia inizia effettivamente a godersi il viaggio della vita familiare. I genitori sono in grado di migliorare direttamente i risultati per i loro figli.

Per i milioni di genitori che gestiscono le difficoltà di allevare bambini con ADHD, ecco quello che so (per certo!) Produrrà risultati straordinari per te, i tuoi figli e la tua famiglia :

1. Scopri l'ADHD e l'ampia gamma di opzioni di trattamento disponibili: pensa fuori dagli schemi!

2. Identifica i punti di forza dei tuoi figli e incoraggiali a distrarli.

3. Permetti alla diagnosi di essere una spinta, non un busto. Consapevolmente forma la comprensione e l'accettazione di se stessi dei bambini.

4. Prendi la prospettiva lunga: questa è una maratona, non uno sprint.

5. Impara a seguire un approccio da allenatore con i tuoi bambini. È straordinariamente efficace nell'aiutarli a raggiungere l'obiettivo finale: l'indipendenza.

6. Ridefinisci il successo e imposta aspettative allineate ai tuoi valori.

7. Cerca supporto per te stesso, non solo per i tuoi figli. Che si tratti di un allenatore, di un terapista, di un gruppo di supporto, di un corso online o di un vero e proprio migliore amico, troverai maggiore successo e divertimento quando ti sentirai in contatto con altri che comprendono.

A volte mi chiedo quale sia la mia vita sarebbe stato come se mia madre avesse conosciuto 40 anni fa quello che so ora. Tuo figlio è fortunato Non deve mai chiederselo. Se stai allevando un bambino con ADHD, hai il potere di fare la differenza! Quello che fai con quel potere dipende da te.

Elaine Taylor-Klaus e Diane Dempster, fondatori di ImpactADHD.com, insegnano / scrivono sulle strategie pratiche ai genitori di bambini "complessi" con ADHD e sfide correlate. Per aiutare i tuoi figli a trovare la motivazione per fare qualcosa, scarica la guida dei genitori gratuita, Guida per genitori per motivare il tuo bambino complesso .

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su ImpactADHD. Ristampato con il permesso dell'autore.